20 Febbraio 2024

Intervista a Luca Tartaglia

Luca Tartaglia è un artista eclettico, bucolico e ambizioso, capace di unire la sua passione per la musica ad un’attitudine allo studio e al sacrificio non indifferenti.
Con Proprio adesso, un brano che evidenzia una forte vocalità e una scelta non scontata di contemporaneità nella musica, Luca Tartaglia si riprende uno spazio importante nel mondo musicale e dà il via, ad una lunga serie di brani che rimetterà in pista l’artista campano con un progetto di grande interesse e dalle ottime premesse.
Amore, emozioni, inquietudine e solitudine, sono solo alcuni temi che ritroviamo in Proprio adesso, ma che ci fanno capire appieno l’universo di Tartaglia e ci preparano così al prossimo singolo che lo vedrà ancora protagonista, con nuove sonorità e tante sorprese.
Un nuovo inizio e una conferma per un artista che non ha mai abbandonato il sogno di una vita e le emozioni che solo la musica sa regalare.

MN: Proprio adesso è il brano della tua rinascita, ma è anche quello che anticipa il tuo nuovo album. Ma cosa ci dobbiamo aspettare da questo tuo progetto?
Luca:
Vorrei riuscire a trasmettere un percorso creativo che ha un comune denominatore: il mio modo di scrivere la melodia e i testi in modo riconoscibile. Riuscire a raccontare i miei brani attraverso un mix di voce, testi, melodie e arrangiamenti e con più di un messaggio da mandare. Anche perché i miei brani, sono fotografie, istanti di vita vissuta e quindi mai uguali tra loro.

MN: Quindi tanti messaggi saranno trasmessi in questo album futuro, ma saranno istantanee del tuo percorso e della tua vita?
Luca:
Esattamente! In questo progetto cercherò di portare tutto me stesso e per questo non mi limito ad un unico messaggio come filo conduttore, ma preferisco rappresentare tante istantanee di vita vissuta. Momenti dove mi guardo dentro e che racconto attraverso un mix di emozioni e sensazioni. Quindi sì, ogni mio brano racconterà tante cose diverse e non mi limiterò ad un unico messaggio, anche se qualche punto in comune ci sarà per forza.

MN: Una delle cose più complicate per la realizzazione di un album, è capire quando un brano è pronto: quando capisci che un tuo pezzo è concluso?
Luca:
Domanda complessa e difficilissima! Anche perché un brano è completo quando ti piace e quando capisci che funziona, anche se poi entra in gioco anche l’esperienza. La capacità di immaginazione e il capire cosa può funzionare o non funzionare. L’intuito e la cultura musicale diventano fondamentali in queste situazioni. Nel mio caso però, è una cosa molto istintiva.

MN: Quando hai capito invece che Proprio adesso era il brano giusto per questa ripartenza?
Luca:
Proprio adesso è un brano che ho scritto qualche anno fa, mi piaceva e piaceva anche ad amici che avevano ascoltato il pezzo in anteprima. Poi, è passato del tempo, c’è stata la pandemia, ed è stato mio fratello ad insistere per la realizzazione di questo brano. Lui iniziò una fase di pre-produzione a casa per cercare di dare un vestito attuale e moderno al brano. Dopo diversi esperimenti e prove, mi sono lasciato convincere e lì abbiamo fatto diversi test sul pezzo. In seguito, con i musicisti, abbiamo costruito il brano come immaginato all’inizio e dopo averlo mixato ci è sembrato da subito un pezzo forte. Per testo, melodia e immediatezza e con un loop moderno, ci sembrava il brano giusto per ripartire.

MN: Come mai c’è voluto tutto questo tempo prima di uscire?
Luca:
All’inizio non avevamo delle scadenze precise, abbiamo pensato solo a lavorare e consapevoli che avremmo dovuto fare tutto da soli. Abbiamo iniziato mettendo piccoli tasselli, ma senza obblighi di alcun tipo. Ci sono stati anche problemi personali che ci hanno rallentato, ma alla fine ci siamo intestarditi e abbiamo completato il tutto. Poi, c’è stata anche la realizzazione del videoclip e anche lì, ci è servito del tempo per creare un video in linea con il brano. Finito poi con Proprio adesso, abbiamo poi iniziato a lavorare subito ad altri brani.

MN: Ci puoi già raccontare del prossimo brano in uscita?
Luca:
Sarà un brano diverso dal precedente, sarà una canzone più classica e con un ritornello più cantato, ma in generale sarà un pezzo più cantabile rispetto a Proprio adesso. Sarà rappresentato sempre il mio mondo, infatti, sarà una ballad ma dal tiro elettronico, con una melodia lineare e con un testo che parla d’amore. Ci saranno inoltre delle piccole istantanee della mia malinconia, ma non posso svelare ancora molto.

MN: Nel racconto hai parlato tanto di tuo fratello, ma quanto è importante per te essere supportato da lui?
Luca:
Tantissimo, anche perché va a colmare una parte vuota. Lui fa tutte quelle cose che non so fare, mi riesce a dare un supporto emotivo e anche di produzione. Senza di lui, non so se riuscirei a portare avanti l’idea di questo album. È una presenza costante ed è importante per me e per la realizzazione di questo progetto, mi consiglia, mi ascolta e mi aiuta nel concreto.

https://open.spotify.com/track/21AydaaMgtVAT4zO9IqPHm?si=4e4503beb0244f6a