4 Marzo 2024

“Burrone”, Arianna Pasini pubblica il brano per Brutture Moderne, Crinale Lab e Urlaub Dischi

Il singolo con cui Arianna Pasini si presenta al grande pubblico è “Burrone”, l’onestà di una ballad chitarra e voce si erge in equilibrio sull’oscurità di un fondale ambient e lo-fi.

Dopo anni di concerti in formazioni sempre nuove, Arianna Pasini trova la musica giusta, la sua, per mettersi al centro del palco. La formula chitarra e voce rimane fedele alle prime bozze registrate nel lontano 2020. La ballad si presta bene all’obiettivo della cantante: essere sincera e spontanea. Il pezzo, infatti, è stato registrato in presa diretta, sovrascrivendo solo in un secondo momento la voce e i vezzi di piano e tastiere elettroniche di sottofondo.

Ascolta singolo

Il testo è molto intimo nella sua essenzialità e, assieme alla strumentale, mantiene un equilibrio precario per tutto il brano, simulando la paura di cadere nel burrone che dà il titolo. La linea melodica che più di tutte veicola questa sensazione è la batteria: solitamente elemento portante che detta il tempo, in “Burrone” suona incerta. Per rendere appieno l’effetto, l’artista l’ha fatta suonare a un non-batterista. Quello che viene descritto è uno strapiombo che Arianna Pasini conosce in “ogni sua intima venatura”, tanto da abbozzare l’ipotesi di rimanere laggiù, lontana dal mondo. Solo una mano garbata può farla risalire, con la promessa di un finale degno di essere raccontato. 

Burrone” è una chicca per gli amanti della produzione. Nel singolo d’esordio di Arianna si coglie tutta la sua passione per gli strumenti vintage, dalla Fender Telecaster del 1967 suonata da lei stessa al Fender bass VI del 1961 e al Roland Juno anni Ottanta suonati da Marco Giudici. A impacchettare il tutto è il suono elettronico ambientale espressamente lo-fi a cura di Lorenzo Camera
 

Burrone” anticipa l’uscita dell’album “Verso una casa”, in uscita a marzo 2024 per Brutture Moderne, Crinale Lab, Urlaub e distribuito da Believe. Il disco è stato realizzato con il sostegno di Emilia Romagna Music Commission.